Grandi potenzialità ed inaspettati attrattori culturali, storici, ambientali, archeologici, artistici ed enogastronomici stanno emergendo con maggiore forza nel panorama della più complessiva proposta turistica campana proprio dalla provincia di Avellino: l'Irpinia. 

Visitare l'Irpinia vuol dire viaggiare attraverso una provincia fra le più belle d'Italia e che dell'Italia conserva le migliori caratteristiche: i monumenti, le chiese, la tradizione enogastronomica ed i parchi naturali.

A meno di 30 minuti d'auto di distanza dall'aeroporto di Napoli Capodichino, con una interessante e variegata capacità di ricezione alberghiera, una ricca gastronomia, eccellenza campana nella produzione di tre vini DOCG (Taurasi, Greco di Tufo, Fiano di Avellino), l'Irpinia è cuore della Campania.

Grazie alle efficienti vie di comunicazione, in circa mezz'ora si raggiungono tutte le province della Campania: Benevento, Caserta, Napoli e Salerno.

L'Irpinia sin dall'antichità è stata una terra di transito tra il Mar Tirreno ed il Mar Adriatico. Infatti, l'Alta Irpinia ha il privilegio di essere un territorio compreso tra l'Appia Traiana e la Regina Viarum dei Romani.

Ancora oggi sono visibili le tracce di antichissime frequentazioni sia di epoca preistorica che di epoca sannita, oltre che di epoca romana e medioevale.

L'Irpinia ha come capoluogo la città di Avellino, che è al centro di un sistema di Parchi Naturalistici di grande rilievo ambientale e paesaggistico grazie ad un elevato indice di biodiversità.

L'offerta turistica irpina è in grado di soddisfare le esigenze di viaggiatori attenti alla qualità della vita, alle eccellenze ed alle tipicità.

La pace, la tranquillità, l'ottima ricezione, l'ottima qualità del cibo e del vino, l'accoglienza di un popolo ospitale, contraddistinguono una terra, una provincia d'Italia, tutta ancora da scoprire: l'Irpinia.